Apple lancia la sua offensiva AI
Novità e trend

Apple lancia la sua offensiva AI

Traduzione: tradotto automaticamente

Siri diventa il fulcro della "Personal Intelligence" di Apple. Questo include funzioni AI profondamente integrate nell'ecosistema. Nonostante la collaborazione con OpenAI, Apple promette che la protezione dei dati sarà sempre garantita.

Con il nome di "Apple Intelligence", Apple sta integrando l'intelligenza artificiale (AI) nei suoi sistemi operativi per iPhone, iPad e Mac. I californiani hanno presentato numerose applicazioni alla conferenza degli sviluppatori WWDC. Per alcune di esse Apple sta collaborando con OpenAI. Le più importanti funzionalità di AI in sintesi:

  • Siri sta migliorando e può eseguire compiti in tutte le app
  • Generazione di lingue e immagini in numerose app native
  • Riepiloghi supportati dall'IA
  • Accesso a ChatGPT da OpenAI su richiesta

Focus sul contesto personale e sulla protezione dei dati

Apple fa leva sul suo più grande punto di forza quando integra le funzioni di AI: il controllo sull'intero ecosistema di dispositivi e app. Altri modelli di IA di solito funzionano solo in modo isolato come app standalone o, nel migliore dei casi, sono integrati in un unico sistema operativo, come nel caso di Microsoft.

L'intelligenza artificiale di Apple, invece, si concentra sul contesto personale e sulla protezione dei dati.

Apple Intelligence, invece, può accedere all'intero contesto di tutti i dispositivi collegati a un ID Apple. Questo permette di personalizzare le risposte e le offerte. Ad esempio, Siri può trovare una prenotazione al ristorante in un messaggio di testo e creare una voce del calendario a partire da essa.

Questo autunno Apple lancerà la sua offensiva AI su iPhone, iPad e Mac.
Questo autunno Apple lancerà la sua offensiva AI su iPhone, iPad e Mac.
Fonte: Apple

Apple sembra essere consapevole che molti utenti non vedranno di buon occhio il pensiero di concedere a un'intelligenza artificiale l'accesso a informazioni private. I californiani si sono quindi concentrati sulla protezione dei dati. La promessa: le informazioni personali rimangono sempre protette. Le richieste semplici vengono elaborate direttamente sul dispositivo. Se è necessaria la potenza di calcolo di un server, i dati vengono inviati esclusivamente a speciali server Apple. A quanto pare, non viene memorizzato nulla nel corso del processo.

L'eccezione è rappresentata dalle richieste per le quali si desidera il supporto di ChatGPT. Ad esempio, se fai una domanda a Siri, quest'ultima verifica se il chatbot esterno potrebbe aiutarti e ti chiede il permesso prima di inoltrare le informazioni. Solo allora la richiesta viene inviata a OpenAI. L'indirizzo IP viene reso irriconoscibile.

Elaborazione nel dispositivo, nel cloud e con OpenAI

Dove viene elaborato un messaggio dipende dalla sua complessità. I chip di Apple gestiscono le cose semplici direttamente sul dispositivo, almeno se soddisfano i requisiti minimi. Le richieste più complesse vengono inviate a server gestiti da chip di silicio Apple più potenti.

Per le attività che richiedono informazioni esterne dettagliate, Apple collabora con OpenAI. La funzione "Compose" nei programmi di testo può avvalersi dell'aiuto di ChatGPT basato sull'ultimo modello GPT-4o. Il tutto sembra essere una sorta di integrazione del noto chatbot nelle app di Apple. Se si invia una richiesta a OpenAI, Apple trasmetterà solo le informazioni necessarie.

Su richiesta, Siri invia le richieste a OpenAI. Lì vengono ulteriormente elaborate da GPT-4o.
Su richiesta, Siri invia le richieste a OpenAI. Lì vengono ulteriormente elaborate da GPT-4o.
Fonte: Apple

Un Siri che può fare di più che impostare timer

Il fulcro della nuova AI di Apple è Siri. In passato l'assistente vocale non era noto per essere particolarmente intelligente. La situazione è destinata a cambiare. Apple promette che ora Siri comprende le istruzioni vocali in modo naturale, anche se le cambi o le correggi nel bel mezzo della frase. Siri memorizza anche le richieste e può collegarle ad altri comandi come contesto.

Siri può anche essere utilizzato come assistente per le chiamate a casa.

Siri può essere controllata non solo tramite comandi vocali, ma anche tramite input testuali. Ha accesso alle informazioni presenti sul dispositivo e al contenuto dello schermo. A seconda delle istruzioni, passa da un'app all'altra in modo indipendente. Ad esempio, se hai bisogno del numero del tuo passaporto per prenotare un volo, può trovarlo in una foto della tua libreria multimediale, copiarlo e incollarlo nel posto giusto.

La voce di Siri non sembra essere cambiata. A differenza di Google e OpenAI, Apple ha deciso di non "umanizzare" l'assistente.

Generatore di testo e immagini

Le funzioni di IA generativa si stanno diffondendo in numerose app. Si tratta di concetti simili a quelli già noti di altri modelli. Smart Reply suggerisce una risposta rapida e riconosce le domande contenute in un'e-mail per garantire una risposta completa. "Rewrite" suggerisce diverse versioni di un testo in diversi stili. "Correggi" controlla la grammatica, la scelta delle parole e la struttura delle frasi e fornisce suggerimenti di modifica che puoi visualizzare e accettare. Gli "strumenti di scrittura" sono disponibili nelle seguenti applicazioni:

  • Safari
  • Mail
  • Note
  • Messaggi
  • Pagine
  • Note
Le risposte generate automaticamente in app come Mail sono progettate per risparmiare tempo.
Le risposte generate automaticamente in app come Mail sono progettate per risparmiare tempo.
Fonte: Apple

Apple Intelligence non genera solo testo, ma anche immagini. Nell'app Note, ad esempio, la funzione "Image Wand" può essere utilizzata per convertire gli schizzi in graziose illustrazioni, in modo simile alle nuove funzioni AI di Microsoft in Paint.

La funzione denominata "Image Wand"è in grado di convertire gli schizzi in graziose illustrazioni.

Una funzione chiamata "Image Playground" sembra un generatore di immagini convenzionale che crea un'immagine a partire da parole chiave. Dato che il calcolo viene effettuato direttamente sul dispositivo, non c'è da aspettarsi miracoli. Sembra essere più che altro un espediente per le chat. Le nuove "Genmojis" - emoji personalizzate generate da un breve testo - rientrano nella stessa categoria. O dalle foto presenti nella tua libreria multimediale.

Genmojis (a destra) e immagini dell'Image Playground (a sinistra) sembrano più un divertente espediente che un potente strumento creativo.
Genmojis (a destra) e immagini dell'Image Playground (a sinistra) sembrano più un divertente espediente che un potente strumento creativo.
Fonte: Apple

Anche l'editing delle immagini nell'app Foto di Apple ha alcune funzioni supportate dall'intelligenza artificiale. Tuttavia, sono modeste rispetto ad altri programmi come Adobe Photoshop. L'unico esempio citato da Apple è la rimozione di oggetti che distraggono utilizzando lo "Strumento di pulizia".

Riassunto e ricerca

"Riassumi" può riassumere testi o informazioni. Proprio come Google Gemini o ChatGPT. Apple integra questa funzione direttamente nelle app native. Ad esempio, l'anteprima di un'e-mail non mostra semplicemente la prima frase, ma una versione riassuntiva del contenuto. Lo stesso vale per le notifiche sulla schermata di blocco o per i promemoria vocali, che l'intelligenza artificiale può trascrivere e riassumere.

Le anteprime delle e-mail o le notifiche mostrano le informazioni più importanti in un colpo d'occhio.
Le anteprime delle e-mail o le notifiche mostrano le informazioni più importanti in un colpo d'occhio.
Fonte: Apple

Anche la funzione di ricerca è destinata a diventare più intelligente e potente. Potrai cercare immagini per contenuti specifici utilizzando un prompt naturale. Ad esempio, "Katie con adesivi sul viso". Questo funziona non solo nelle foto, ma anche nei video.

Prezzo, compatibilità, disponibilità

Apple Intelligence è gratuita, compreso l'utilizzo delle funzioni ChatGPT. Un account OpenAI non è necessario, ma può essere collegato facoltativamente. Le funzioni di intelligenza artificiale funzionano su Mac e iPad con chip M1 o più recenti, oltre che su iPhone 15 Pro e iPhone 15 Pro Max.

La versione beta di Apple Intelligence è gratuita, compreso l'utilizzo delle funzioni di ChatGPT.

La versione beta di Apple Intelligence verrà distribuita con i nuovi sistemi operativi a partire dall'autunno: iOS 18, iPadOS 18 e macOS Sequoia. Le funzioni sono inizialmente disponibili solo in inglese - se cambi la lingua di Siri e del tuo dispositivo, saranno disponibili anche in Svizzera e Germania. Il supporto per le altre lingue è previsto per il 2025.

Puoi trovare una classificazione dettagliata della nuova intelligenza artificiale di Apple qui:

Alla WWDC, i californiani hanno presentato ancora più innovazioni al loro software. Puoi trovare una panoramica delle restanti funzionalità qui:

  • Novità e trend

    WWDC 2024: l'iPad avrà una calcolatrice, e che calcolatrice!

    di Michelle Brändle

A 57 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

Le mie impronte digitali cambiano talmente spesso che il mio MacBook non le riconosce più. Il motivo? Se non sono seduto davanti a uno schermo o in piedi dietro a una telecamera, probabilmente mi trovo appeso a una parete di roccia mantenendomi con i polpastrelli. 


Potrebbero interessarti anche questi articoli

Commenti

Avatar