La fotocamera più grande del mondo è pronta
Novità e trend

La fotocamera più grande del mondo è pronta

David Lee
4/4/2024
Traduzione: tradotto automaticamente

Il mostro fotografico offre una risoluzione di 3,2 gigapixel. Il suo scopo è quello di contribuire alla ricerca sulla materia oscura. Ma prima deve essere trasportata in un osservatorio remoto.

La fotocamera LSST è la più grande al mondo. Il suo sensore misura 64 centimetri e offre 3200 megapixel. L'obiettivo ha un diametro di 157 centimetri. La fotocamera è stata costruita dal Centro di Accelerazione Lineare di Stanford (SLAC). Scopo: ricerca astronomica. Costo: molto elevato.

  • Novità e trend

    Questa fotocamera ha 3200 megapixel e costa 168 milioni di euro.

    di David Lee

Gli inizi del progetto Giga risalgono a 20 anni fa. Nel 2019 si diceva che la fotocamera era quasi pronta e che sarebbe entrata in funzione nel 2021. Ora, nel 2024, è finalmente completa e si prevede che entrerà in funzione l'anno prossimo.

Fino ad allora, c'è ancora del lavoro importante da fare: La telecamera, che pesa quasi tre tonnellate, deve essere trasportata a lungo. In particolare dalla California a una vetta delle Ande cilene. Lì, a 2715 metri sul livello del mare, si trova l'Osservatorio Vera C. Rubin. In questo luogo estremamente secco, la visibilità è praticamente priva di nuvole, l'ideale per lo scopo della fotocamera.

Una volta in funzione, la fotocamera è progettata per scattare tre foto al minuto per dieci anni. Il campo visivo della fotocamera è circa 40 volte la dimensione della luna. I ricercatori vogliono utilizzarla per vari scopi, ma il più importante è la ricerca sulla materia oscura e l'energia oscura. Questo era anche il campo di ricerca di Vera C. Rubin, da cui l'osservatorio prende il nome. Oggi si ritiene che solo il cinque percento dell'universo sia costituito da materia ordinaria. La materia oscura non è direttamente visibile, ma la ricerca ipotizza che debba esistere. Questo perché alcuni movimenti nello spazio non possono essere spiegati dalle sole leggi fisiche della materia. Le registrazioni dettagliate in time-lapse per un lungo periodo di tempo dovrebbero aiutare a comprendere meglio il fenomeno in futuro.

Lo SLAC ha una spiegazione più dettagliata della fotocamera.

Immagine di copertina: Jacqueline Ramseyer Orrell/LAC National Accelerator Laboratory

A 200 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

Il mio interesse per il mondo IT e lo scrivere mi hanno portato molto presto a lavorare nel giornalismo tecnologico (2000). Mi interessa come possiamo usare la tecnologia senza essere usati a nostra volta. Fuori dall'ufficio sono un musicista che combina un talento mediocre con un entusiamso eccessivo. 


Potrebbero interessarti anche questi articoli

Commenti

Avatar